Senza Giro: per raccontare il Giro che non c’è!

Maggio, si sa, è da sempre il mese del Giro D’Italia. E anche quest’anno sarà così, nonostante tutto! Nonostante l’emergenza Coronavirus che ha travolto il nostro paese.

Da qui nasce la bellissima idea di “Senza Giro“.

Un’iniziativa editoriale nata dalla passione e dall’intraprendenza di Paolo Bozzuto – professore del Politecnico di Milano – che ha coinvolto 40 tra scrittori e illustratori di ciclismo.

Ci teniamo a sottolineare fortemente che questa iniziativa viene fatta con scopi del tutto benefici. Tutto il ricavato derivante dal supporto di aziende e appassionati andrà, infatti, alla Cooperativa Namastè per la lotta contro il Covid-19.

Per tutti noi appassionati, vivere il mese di Maggio senza il Giro D’Italia è come essere privati di un amore. Un vuoto inimmaginabile che ci accompagna per 21 giorni!

L’obiettivo di “Senza Giro” è proprio quello di, in omaggio alla tradizione che dal 1909 accompagna la Corsa Rosa, far vivere la passione e l’amore che da sempre accompagnano – lungo le strade – gli “attori” di questo grande “Giro che non c’è” e riempiono il cuore di milioni di appassionati.

A partire dal 9 Maggio, dunque, una squadra di scrittori e di illustratori racconterà ogni giorno lo svolgimento della corsa mettendo in gioco solo fantasia e passione per il ciclismo.

Ciascuna tappa avrà un narratore e un illustratore diverso: l’invenzione della corsa e la classifica che ne deriverà – con le tradizionali maglie dei leaders – andranno a comporsi in un puzzle di sguardi differenti. Un visione d’insieme fatta di sport, geografia, paesaggio, storia e di storie lungo le strade e la primavera del Giro D’Italia.

Non sappiamo, in partenza, come andranno la corsa e il racconto. Non sappiamo chi vincerà e chi perderà. Accadrà tutto giorno per giorno, come in una corsa vera.


Gli Scrittori

Chi racconterà il “Giro che non c’è”?

Ecco la squadra dei narratori “SenzaGiro” che il 9 maggio partirà da Budapest:

Aldo Ballerini (giornalista); Marco Ballestracci (scrittore e performer); Giovanni Battistuzzi (giornalista de Il Foglio); Paolo Bozzuto (docente al Politecnico di Milano); Francesco Calvetti (docente al Politecnico di Milano); Filip J Cauz (blogger e scrittore di Bidon); Gino Cervi (editor e scrittore); Andrea Costa, architetto del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo; DanieleDanijlD’Aquila (presidente Comitato Velodromo Vigorelli ASD); Emanuele Esaia (blogger di I Love Amatori); Lorenzo Franzetti (giornalista e ciclista di La Bottega del Romeo); Guido Foddis (musicista e giornalista di La Repubblica delle Biciclette); Alessandra Giardini (scrittrice e giornalista del Corriere dello Sport – Stadio); Albano Marcarini (urbanista, autore di guide turistiche, cicloturista – Sentieri d’Autore); Silvio Martinello (campione olimpico e commentatore sportivo); Stefano Munarin (docente presso IUAV Venezia); Marco Pastonesi (giornalista e scrittore); Giacomo Pellizzari (scrittore e copywriter -Ciclista Pericoloso); Marco Pinotti, (ex corridore, scrittore e tecnico CCC Team); Stefano Rizzato (giornalista RAISport); Guido P. Rubino (scrittore e fotografo di Cyclinside); Antonio Ruzzo (giornalista de Il Giornale); Andrea Schiavon (scrittore e giornalista di Tuttosport)


Gli Illustratori

Chi disegnerà il “Giro che non c’è”?

Ecco la squadra degli illustratori “SenzaGiro” che il 9 maggio partirà metaforicamente da Budapest alla scoperta del Giro D’Italia che non c’è:

Osvaldo Casanova; Giulio Castagnaro; Francesco Chiacchio; David Diehl (CH); Oscar Diodoro; Gianluca Folì; Ale Giorgini; Riccardo Guasco; Nadia Guidi; Tiziana Longo; Daniele Margara; Marija Markovic (SB); Massimiliano Marzucco; Mauro Mazzara; Umberto Massa; Giulia Pastorino; Francesco Poroli; Marcus Reed (UK); Jacopo Rosati; Lucio Schiavon; Federico Tram Tramonte; 2 Bros Creative


I Partners:


Qui il profilo Facebook di Senza Giro: @senzagiro

Un pensiero su “Senza Giro: per raccontare il Giro che non c’è!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.