Intervista a Marco Benfatto: tra quarantena e ciclismo!

Marco Benfatto – attualmente in forza alla Bardiani CSF-Faizanè – è un ciclista di origini venete, nato nel 1988 a Camposampiero (Padova).

Proveniente dal famoso vivaio della Zalf-Fior e del Team Idea 2010, è passato – come stagista – alla Liquigas nel 2012 per poi diventare ufficialmente professionista con la Continental Astana nel 2013. Dal 2015 al 2019 milita in quella che è attualmente la Androni-Giocattoli Sidermec e agli inizi del 2020 decide di accettare una nuova sfida: la Bardiani CSF-Faizanè di Bruno e Roberto Reverberi.

Ecco a voi una piccola intervista molto interessante sul periodo particolare che stiamo attraversando e su come un professionista lo sta affrontando nell’attesa di tornare su strada.


Ciao Marco, innanzitutto grazie mille per la tua disponibilità e grazie mille per questa intervista!

Come affronta un atleta professionista questo particolare periodo che stiamo attraversando a causa del Coronavirus?

Io la sto vivendo in maniera veramente tranquilla. A volte mi sembra di essere quasi in vacanza; da una parte non abbiamo pensieri, dall’altra si vorrebbe ritornare al più presto alla normalità!

Cosa cambia principalmente tra un allenamento sui rulli e uno su strada? Sempre se cambia davvero qualcosa.

Tra l’allenamento sui rulli e quello su strada cambia molto . Ci sono determinati lavori che vengono anche meglio sui rulli , tipo le SFR (Salite Forza Resistenza) o i lavori intermittenti . Ma a livello di ore è sicuramente meglio l’allenamento su strada; per ovvi motivi sul rullo non si riescono a fare allenamenti di 4/5 ore consecutive. Ad oggi sul rullo ora si lavora con esercizi di qualità: 1h – 1h e 30 min di allenamento intenso e, al massimo, due sedute in una giornata.

Pensi che un atleta possa trarre dei vantaggi da un momento come questo? Se si, quali? 

Questo periodo può essere visto come un opportunita per lavorare ai propri punti deboli . Aspetti che normalmente, durante la stagione, non si ha il tempo di curare al 100%: parlo di preparazione fisica, palestra , stretching e mobilità articolare. Molto importante è coltivare anche la sfera psicologica; leggere e studiare aiutano molto a sviluppare questo aspetto. Io, per esempio, sono iscritto a Scienze Motorie e in questo periodo ne approfitto per studiare un pò..

Com’è la “giornata tipo” di Marco Benfatto in questa quarantena?

La mia giornata tipo è: Sveglia presto e colazione normale con uova, avena e frutta fresca . La mattinata prevede un allenamento in palestra con esercizi di potenziamento, mobilità articolare e core stability. A pranzo mi tengo leggero, trattenendomi sui Carboidrati. Nel pomeriggio segue un allenamento sui rulli , fortunatamente sto usando i rulli Elite Suito con offrono anche la possibilità di collegarsi a Zwift . Un’applicazione che aiuta veramente molto in questo periodo di “indoor training”. Dopo l’allenamento una buona merenda e, poi, un paio di ore di studio per prepararmi all’esame di Fisica e per portare a termine con successo il secondo anno di Scienze Motorie . A cena cerco sempre di limitare il più possibile l’uso dei Carboidrati e mi concedo solo un bicchiere di vino o di birra (ma solo perché siamo in quarantena 😀 )con i carbo un po’ limitati. Dopo cena un pò di Relax e poi nanna per preparare al meglio il giorno dopo.

Che obiettivi ti eri posto in questa Stagione 2020?

I miei obbiettivi per il 2020 sono quelli di confermare quando fatto di buono in questi anni e puntare a fare qualche buon risultato nel calendario World Tour: ho iniziato davvero bene in Argentina, con un terzo posto. Nel proseguo di stagione avevo in programma la Tirreno-Adriatico ma, purtroppo, ci siamo fermati prima. Ovviamente l’obiettivo principale della stagione era il Giro d’Italia 🇮🇹. 

Ultima Domanda: quanto è importante, secondo te, la parte di “Marketing e Comunicazione” di un atleta in questo momento? Quanto é importante saper gestire la propria immagine?

In questo momento noi atleti possiamo dare visibilità – agli sponsor, al Team, a noi stessi – solo tramite i Social Media e qualche attività dedicata. Questa è sicuramente un’opportunità da sfruttare; ora più che mai. Ovviamente, quando le gare riprenderanno, si cercherà di far parlare il più possibile con i risultati.


Grazie mille ancora di cuore alla disponibilità e la gentilezza di Marco Benfatto. Nono possiamo che fargli un grandissimo in bocca al lupo per la sua stagione (che siamo sicuri riprenderà) e per tutta la sua carriera. A tutta Marco!!!

A presto!

Un pensiero su “Intervista a Marco Benfatto: tra quarantena e ciclismo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.