E’ il turno di Elisa Scarlatta

Oggi intervistiamo Elisa Scarlatta: 32 anni, originaria di Biella (TO), ciclista e mamma di successo, nonché una delle più famose influencer sportive di tutta Italia. Partendo da una semplice passione familiare per il ciclismo, Elisa è riuscita a costruirsi un vero e proprio lavoro che le permette di vivere 365 giorni all’anno pensando esclusivamente alla sua famiglia (ha 2 bimbi) e alla bici. Attualmente, infatti, è ambassador di molti grandi brand appartenenti al mondo del ciclismo (da Specialized fino a Castelli Cycling, passando per Scicon, Sram, Alba Optics e molti altri) e, sicuramente, gioca un ruolo fondamentale nel promuovere il movimento ciclistico femminile a livello amatoriale.
Durante l’anno “CheryBomBom” partecipa, anche, a numerose Granfondo come la Maratona Dles Dolomites, la Milano-Ride, la Granfondo Bra-Bra, e svolgerà, per quest’anno, il ruolo di madrina alla Granfondo Città di Ancona.
Ecco a voi l’intervista concessa a Km Zero Cycling:

Ciao Elisa, come prima cosa ci teniamo a ringraziarti per la tua disponibilità e per la tua gentilezza. Iniziamo da una domanda molto semplice e banale, ma che può essere molto interessante per capire chi sei.

A che età e in che modo ti sei avvicinata al ciclismo? 

Mi sono avvicinata al ciclismo all’età di 12 anni, seguendo le orme del papà ciclista e del nonno, un’ex professionista. Insomma, il ciclismo faceva parte di casa!

Qual è il tuo professionista preferito e perché? 

Il mio professionista preferito è Daniel Oss; mi piace quello che fa, è rock n roll e rende il ciclismo meno noioso. Ha lo spirito giusto!

Oltre ad essere una ciclista sei anche mamma di 2 splendidi bambini. Come è cambiata la tua vita, anche a livello sportivo, da quando ci sono loro? 

Si ho due splendidi bimbi; in quel periodo ho abbandonato le gare ma mai la bicicletta. L’ostetrica mi porta sempre da esempio alle donne che le chiedono se si può fare sport in gravidanza perché tutte le settimane arrivavo al corso pre parto in bici. Ora che sono più grandicelli ho ripreso a fare qualche granfondo; appena li lascio a scuola corro a casa a cambiarmi e esco ad allenarmi, quando hai una passione ti fai in “quattro” per non mollare!

Ormai sei una delle “Cycling Influncer” più famose e seguite d’Italia, forse la più seguita in assoluto. Come si diventa influencer e cosa ti ha spinto a diventarlo?

Non ho deciso di fare la influencer! Quando ho installato Instagram non sapevo nemmeno come funzionasse. ma ho iniziato a postare foto con la mia bici e piacevano sempre di più. Ho scoperto un “ciclismo” che non conoscevo, sono entrata in contatto con aziende che mi  forniscono di materiali da testare e da pubblicizzare, ricevo inviti ad eventi e granfondo..insomma l’aspetto race nel ciclismo non è tutto. La gente ti segue non perché arrivi sul podio tutte le domeniche, ma perché riesci a trasmettere che nel ciclismo conta innanzitutto la passione per le due ruote.

Negli ultimi 2 o 3 anni il movimento ciclistico è cresciuto notevolmente e sta crescendo notevolmente anche il numero di donne che praticano questo sport.

Cosa ne pensi del ciclismo a livello femminile? Perché una ragazza/donna dovrebbe montare in sella?

Sono contenta di vedere sempre più donne che si avvicinano a questo sport. A volte, forse, si pensa che sia troppo faticoso fare chilometri su chilometri in bicicletta ma a noi donne la tenacia non manca, non è questo che deve spaventare!

Nel 2018 hai partecipato a molte manifestazioni e hai corso parecchie granfondo (Maratona Dles Dolomites, Milano Ride, Granfondo Bra-Bra, ecc.). Qual è stata quella che ti ha lasciato il miglior ricordo e perché?

La Granfondo che preferisco è senza dubbio la Maratona dles Dolomites. E’ tutto incantevole: dal paesaggio, alla gente, fino all’organizzazione!

Adesso, come dicevamo prima, sei una delle più famose influencer a livello italiano e sei ambassador di numerosi marchi importanti (Scicon, SRAM, Specialized, Castelli Cycling, Alba Optics, ecc..). Quali sono i tuoi obiettivi futuri? Come ti vedi tra 5 anni?

Tra 5 anni spero che il mio profilo sia cresciuto molto, bisogna riuscire a stare a galla e credere sempre in quello che si fa.

Una domanda extra ciclismo: quanti tatuaggi hai in totale?

Uuuu il numero di tatuaggi!! Bella domanda..credo una 30ina!

Ultima domanda: com’è Paolo Kessisoglu in bici? E’ più forte lui o sei più forte tu? 😛 

Ahahhahah, Paolo Kessisoglu è una schiappa! Sono più forte io, anche se lui mi batte in salita, in discesa e in pianura! 

Grazie mille ancora per la tua disponibilità ed in bocca al lupo per il 2019! 😉

Grazie a voi per tutto, ragazzi !!

Su Facebook mi trovate come Elisa Scarlatta

Instagram: @cherybombom

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close